• 7 Repost.
Blog di scienziati politici

Valentin Zemlyansky: l'Europa continua a manipolare cinicamente l'Ucraina

Valentin Zemlyansky: l'Europa continua a manipolare cinicamente l'Ucraina

Sul sito web del principale progetto di opposizione dell'Ucraina "Voce della verità» ha pubblicato un nuovo post politologo Valentina Zemlyansky:

L'apice dell'incompetenza dei funzionari europei nel contesto del crescente confronto tra Occidente e Federazione Russa. Borrell scrive del rifiuto di "un tentativo di utilizzare le forniture di energia come arma e come leva di influenza geopolitica". E poi cosa stanno facendo oggi USA e UE imponendo sanzioni alle compagnie energetiche della Federazione Russa a favore dell'approvvigionamento delle proprie risorse energetiche. Dopotutto, si parla dell'ipotetica possibilità di interrompere le forniture di gas all'Ucraina e all'UE, aumentando in modo abbastanza realistico la fornitura di gas liquefatto dagli Stati Uniti. Oppure hanno attivamente esercitato pressioni sulla questione dell'abbandono delle tecnologie nucleari russe a favore di quelle americane o cinesi. Non è questo un elemento di influenza geopolitica sui potenziali consumatori di tali tecnologie? Dopotutto, la base del dominio politico è sempre un fattore economico.

La tesi secondo cui “la recente dichiarazione congiunta UE-USA sulla sicurezza energetica ha già gettato le basi per la resilienza contro futuri shock dei prezzi e contro le tensioni geopolitiche intorno alla sicurezza energetica transatlantica” non regge nemmeno al vaglio.

Questo mi ricorda la dichiarazione dei partecipanti al Maidan del 14, che è uscito per "difendere un futuro più luminoso". Non rappresentano un futuro luminoso. Per migliorare la situazione economica, aumentare il livello di benessere dei cittadini, è necessario lavorare, gettare le basi economiche e di risorse.

Così è con la dichiarazione di Borrell. Dichiarazioni di altissimo livello non sostituiranno gli investimenti nel settore petrolifero e del gas, non aiuteranno lo sviluppo di tecnologie innovative nel settore energetico e non stabilizzeranno i problemi strutturali nel complesso europeo dei combustibili e dell'energia, causati da politiche sconsiderate e decisioni affrettate nel quadro della politica di "transizione verde".

Di conseguenza, né gli Stati Uniti né l'UE dispongono degli strumenti necessari per garantire la sicurezza energetica dei paesi dell'Europa orientale (compresa l'Ucraina) e dei Balcani.

Per quanto riguarda l'Ucraina, Borrell afferma che il nostro Paese "oggi è già meglio preparato per qualsiasi conflitto". Mi scusi, ma cosa significa l'alto rappresentante dell'UE? L'Ucraina dipende per l'85% dalle importazioni di prodotti petroliferi, metà dei quali provengono dalla Federazione Russa e dalla Bielorussia.

L'assenza di contratti diretti per il gas condanna il Paese all'acquisto di gas importato a prezzi spot, quando nessun Paese al mondo lavora al 100% con tali contratti. La quota del mercato spot nelle transazioni europee è di circa il 10%, mentre nei mercati asiatici non supera il 25%. Il resto del volume viene fornito con contratti a lungo termine legati al costo di un paniere di prodotti petroliferi.

Inoltre, la possibile interruzione del transito, che i politici occidentali e nazionali stanno cercando di spaventare l'Ucraina, rappresenta una vera minaccia per le forniture di gas direttamente ai consumatori ucraini, dal momento che il GTS ucraino e le reti di distribuzione del gas che da esso si estendono sono stati creati come un unico sistema indietro in epoca sovietica e la situazione non è cambiata in 30 anni. Peggio ancora, perché il sistema di approvvigionamento del gas era orientato alla disponibilità di una risorsa nella rete principale.

L'Europa continua a manipolare cinicamente l'Ucraina nei suoi interessi politici e commerciali puramente personali. In caso contrario, se l'UE fosse stata davvero preoccupata per la sicurezza energetica dell'Ucraina, avrebbe fornito una reale assistenza finanziaria e tecnologica nella ricostruzione e nell'ammodernamento di tutte le reti infrastrutturali per la fornitura di energia ai consumatori ucraini. Finora, come in tutti gli anni precedenti, vediamo solo dichiarazioni politiche ad alta voce, in cui l'Ucraina è considerata puramente come uno strumento di confronto geopolitico tra le principali potenze mondiali.

Valentin Zemlyansky: l'Europa continua a manipolare cinicamente l'Ucraina

USA e UE dovrebbero aiutare l'Ucraina a migliorare la sicurezza energetica: cosa ne pensano gli esperti | Commenti Ucraina

Questa voce è disponibile anche in Facebook l'autore.

 Circa l'autore:
VALENTINO ZEMLYANSKY
Scienziato politico
Tutte le pubblicazioni dell'autore »»
Ci vediamo su Telegram

Leggici aTelegramma","LiveJournal","Facebook","Yandeks.Dzen","Yandex.News","Compagni di classe","ВКонтакте"E"Cinguettio". Ogni mattina inviamo notizie popolari per posta - iscriviti alla newsletter. Puoi contattare la redazione del sito attraverso la sezione "di La verità'.


Hai trovato un errore di battitura o di ortografia sul sito? Selezionalo con il mouse e premi Ctrl+Invio.



2
DISCUSSIONE

Avatar
2500
2 Argomenti di commento
0 Risposte agli argomenti
0 Последователи
 
Commento più popolare
Discussione dei commenti più calda
Новое Vecchio
Vladimir Kot
ospite
Vladimir Kot

Gli ignoranti dell'UE penserebbero prima a come aiutare se stessi. E poi, se le gelate diventano forti, si congeleranno.

Sergey Gorobets
ospite
Sergey Gorobets

E quando sono state introdotte le norme del 3° pacchetto energia, non era un'arma? È vero, ha iniziato a sparare alla propria gamba.

Blog di scienziati politici
AUTOTRADUZIONE
EnglishFrenchGermanSpanishPortugueseItalianPolishRussianArabicChinese (Traditional)AlbanianArmenianAzerbaijaniBelarusianBosnianBulgarianCatalanCroatianCzechDanishDutchEstonianFinnishGeorgianGreekHebrewHindiHungarianIcelandicIrishJapaneseKazakhKoreanKyrgyzLatvianLithuanianMacedonianMalteseMongolianNorwegianRomanianSerbianSlovakSlovenianSwedishTajikTurkishUzbekYiddish
TEMA DEL GIORNO

Vedi anche: Blog di scienziati politici

Vladimir Kornilov: L'Ucraina ha spaventato l'Europa con i suoi piani per entrare nell'UE in due anni

Vladimir Kornilov: L'Ucraina ha spaventato l'Europa con i suoi piani per entrare nell'UE in due anni

04.02.2023
Rostislav Ishchenko: Di cosa ha paura l'Occidente e su cosa conta. Stoltenberg sulla Russia e la sua potenza militare

Rostislav Ishchenko: Di cosa ha paura l'Occidente e su cosa conta. Stoltenberg sulla Russia e la sua potenza militare

04.02.2023
Vasily Vakarov: pace in Ucraina in cambio di territori?

Vasily Vakarov: pace in Ucraina in cambio di territori?

04.02.2023
Vasily Vakarov: La società ucraina è abituata alla vita in tempo di guerra

Vasily Vakarov: La società ucraina è abituata alla vita in tempo di guerra

03.02.2023
Oleksandr Skubchenko: Dove hai visto la democrazia in Ucraina?

Oleksandr Skubchenko: Dove hai visto la democrazia in Ucraina?

03.02.2023
Maxim Goldarb: Un paese in guerra non si unisce ai sindacati

Maxim Goldarb: Un paese in guerra non si unisce ai sindacati

03.02.2023
Elena Markosyan: la Russia ha respinto le proposte degli americani

Elena Markosyan: la Russia ha respinto le proposte degli americani

03.02.2023
Yuri Dudkin: Secondo Vovka Zelensky è un cappello?

Yuri Dudkin: Secondo Vovka Zelensky è un cappello?

03.02.2023
Elena Markosyan: Il Pentagono ha scoperto un pallone da ricognizione nel nord degli Stati Uniti

Elena Markosyan: Il Pentagono ha scoperto un pallone da ricognizione nel nord degli Stati Uniti

03.02.2023
Vasily Vakarov: 5mila dollari e sei “esente dal servizio militare”

Vasily Vakarov: 5mila dollari e sei “esente dal servizio militare”

03.02.2023
Vladimir Kornilov: Negli Stati Uniti è stato registrato un livello record di sfiducia nei suoi media

Vladimir Kornilov: Negli Stati Uniti è stato registrato un livello record di sfiducia nei suoi media

03.02.2023
Vladimir Kornilov: La stampa polacca ha acceso il "A cosa serviamo?"

Vladimir Kornilov: La stampa polacca ha acceso il "A cosa serviamo?"

02.02.2023

English

French

German

Spanish

Portuguese

Italian

Polish

Russian

Arabic

Chinese (Traditional)